poster_donne_in_equilibrio

2022-2023

DONNE IN EQUILIBRIO

Wanda Miletti Ferragamo dal 1960 fino alla sua scomparsa, il 19 ottobre 2018, è stata la guida del brand Salvatore Ferragamo, cercando sempre un equilibrio tra la dimensione lavorativa e la famiglia. Nell’agosto del 1960, alla morte del marito, decide di non chiudere l’azienda ma anzi di trasformare un laboratorio artigianale di calzature da donna in una casa di moda, dove i figli possano dare continuità a quel solco di innovazione e creatività iniziato dal marito Salvatore. Donna riservata, Wanda Ferragamo non amava parlare di sé e ostentare i successi raggiunti. Per questo motivo è stato deciso di onorarne la memoria con una mostra che esaminasse la complessa realtà femminile in Italia tra gli anni Cinquanta e Sessanta, periodo in cui Wanda ha cambiato la propria vita. Sono gli anni del “miracolo economico”, contrassegnati da una profonda trasformazione del Paese, nel quale le donne si affacciano ai diversi settori della società, contribuendo alla costruzione dell’Italia repubblicana. Sono donne alla ricerca di nuovi modelli di esistenza che continua a interrogare il nostro presente, come dimostrano le interviste raccolte in un documentario in mostra. Il percorso espositivo, attraverso oggetti, abiti, opere d’arte, filmati, fotografie, intende così tratteggiare le attività e le scelte di donne di età diversa, anche in ambiti lavorativi fino ad allora riservati quasi esclusivamente agli uomini: donne delle professioni, dell’arte, della cultura, della politica e del lavoro che attraverso le loro esperienze personali illuminano la più lunga rivoluzione dell’età contemporanea, quella che ha segnato la fine della separazione dei ruoli sessuali.

Sullo sfondo si delineano i molti interrogativi che la pandemia ha evidenziato suggerendo l’urgenza di una più attenta lettura delle relazioni di genere. A tale scopo la mostra a Palazzo Spini Feroni si completa con un altro progetto espositivo, solo digitale, realizzato in collaborazione con il corso Arts Curating di Istituto Marangoni Firenze nel quale sono state raccolte e commentate opere e testimonianze di undici artiste internazionali, in una riflessione corale sul tema delle identità, soggetto centrale della nostra condizione contemporanea.

DOWNLOAD

Cartella stampa
01 Wanda-Miletti © Marten Elder-872x1160

Claire Tabouret, Ritratto di Wanda Miletti Ferragamo, 2022, acrilico e inchiostro su carta
Firenze, Museo Salvatore Ferragamo

02 Necessaire-Wanda-872x1160

Salvatore Ferragamo, Palazzo, 1961.

Firenze, Museo Salvatore Ferragamo


03 Famiglia Ferragamo 872x1160

La famiglia Ferragamo sul tetto di Palazzo Spini Feroni, 1983. Da sinistra verso destra: Fiamma, Wanda e Fulvia; sul retro: Giovanna, Leonardo, Ferruccio e una modella

01

Aldo Londi per Bitossi Ceramiche, La famiglia Brambilla, 1960, terra rossa, forme modellate a mano, decoro inciso, 46 x 30 x 13 Ø cm.

Montelupo Fiorentino (FI), Archivio Aldo Londi

02

La famiglia italiana, a cura di Rocco Gurrieri e Irene Montini, durata 9’10’’, b/n, 4:3. Immagini provenienti dall’Istituto Luce, RaiTeche e Archivio Rai di Roma.

Firenze, Museo Salvatore Ferragamo

03

Tavolo Tondo 4991, assemblaggio tavoli da Kartell, 1964.

Noviglio (Mi), Kartell Museo

b1

Carla Badiali, Disegno Modelli. Pannello realizzato da Carla Badiali per la sfilata New York, anni cinquanta
Como, Collezione privata

b2

Gli oggetti della segretaria.

Milano, Alessandro Pedretti Design Collection

Campari_872x1160

Franz Marangolo, Nella luna sì ma con Bitter Campari, anni sessanta, bozzetto pubblicitario in china e tempera, collage su cartoncino
Sesto San Giovanni (MI), Galleria Campari

Hostess_872x1160

Hostess Alitalia indossano le divise disegnate dalle Sorelle Fontana, anni cinquanta, stampa fotografica b/n su forex.

Roma, ANPAN (Associazione Nazionale Personale Aero Navigante)

Sorelle-Giussani_872x1160

Le sorelle Giussani nel loro studio, 1966, stampa fotografica b/n su forex.

Milano, Archivio Farabola

Supermercato_872x1160

Le commesse del supermercato, 1957, stampa fotografica b/n su forex.

Pioltello (MI), Archivio Storico Esselunga

04-03

Giosetta Fioroni, Interno familiare, 1960, pastelli, matita, smalti colorati e alluminio su cartaRoma, Archivio Giosetta Fioroni

04-01

Giosetta Fioroni, Nascita di una Venere Op, 1965, olio su tela
Pesaro (PU), Collezione Mancini-Orio

04-02

Giosetta Fioroni, Una donna in silenzio, 1964, matita e smalti alluminio e colorati su tela
Roma, Archivio Giosetta Fioroni

04

Gli oggetti del ripostiglio
Milano, Alessandro Pedretti design collection Noviglio (MI), Kartell Museo

05

Alcune bottiglie di Fratelli Branca datate tutte agli anni cinquanta.
Milano, Archivio Storico Collezione Branca

06

Alcune bottiglie Martini.
Chieri (TO), Collezione Martini & Rossi, Archivio MARTINI

08

Le ceramiche della cucina
Milano, Alessandro Pedretti design collection Milano, Galleria Compasso

Senza-titolo-1

Alcune pagine pubblicitarie realizzate da Erberto Carboni per la pasta Barilla dal 1956 al 1958.
Parma, Archivio Storico Barilla-Parma

Senza-titolo-2

Taccuino delle ricette di Wanda Miletti Ferragamo.
Firenze, Museo Salvatore Ferragamo

Senza-titolo-1 (1)

Frame tratti dal film Il segno di Venere, regia di Dino Risi, 1955

Senza-titolo-2 (1)

Frame tratto dal film La bella di Lodi, regia di Mario Missiroli, 1963

Senza-titolo-3

Fotografie di scena del film Guendalina, regia di Alberto Lattuada, 1957

03 (1)

Donne in equilibrio: oggi, regia Giorgia Benazzo, 2022, durata 22’00” (versione mostra), colori, 16:9.

Una produzione di Rampello & Partners Creative Studio per il Museo Salvatore Ferragamo

02 (1)

Rita Pavone, Stasera Rita, 1965

09

Gli oggetti della camera dei ragazzi
Firenze, Collezione privata Milano, Alessandro Pedretti design collection

01 (1)

Calzature realizzate da Salvatore Ferragamo e dalla figlia Fiamma, dal 1955 al 1965
Firenze, Museo Salvatore Ferragamo

10

Alma Maria Lami, Gonna a ruota, 1951ca.; Myricae, Gonna a ruota, 1957ca.
Roma, Collezione Enrico Quinto e Paolo Tinarelli
Sartoria romana, Abito da giorno a canottiera con nodi sulle spalle e gonna a ruota, 1955ca.
Roma, Farani Sartoria teatrale

11

Max Mara, Giacca e gonna, collezione A/I 1958; giacca e gonna collezione A/I 1963
Reggio Emilia, Archivio d’Impresa Max Mara
Germana Marucelli, Completo in tre pezzi, collezione A/I 1963
Roma, Collezione Enrico Quinto e Paolo Tinarelli
Biki per Cori, Cappotto, 1962 circa
Firenze, Museo Salvatore Ferragamo

12

Cappotti.

Milano, Palazzo Morando Costume Moda

Firenze, Museo Salvatore Ferragamo

Lugo (RA), Archivio A.N.G.E.L.O - A.N.G.E.L.O. Vintage Archive

07

Completi.

Reggio Emilia, Archivio d’Impresa Max Mara
Archivio Germana Marucelli
Roma, Collezione Enrico Quinto e Paolo Tinarelli
Cappotto.
Firenze, Museo Salvatore Ferragamo

13

Abiti da sera.

Firenze, Gallerie degli Uffizi, Museo della Moda e del Costume

Firenze, Gallerie degli Uffizi, Museo della Moda e del Costume Sorelle Fontana Alta Moda

Roma, Archivio Fondazione Micol Fontana

Seta_872x1160

2021-2022

SETA

DOWNLOAD

Comunicato Stampa
1.1

Sun Yuan & Peng Yu, Were creatures born celestial?, 2020, disegno in gessetto su carta.

1.2

Sun Yuan & Peng Yu, Rinoceronte, 2012, sculture in vetroresina.

1.3

Leone (Panthera leo), Zimbabwe, 1986, esemplare naturalizzato.

2.1.

Ivo Bazzechi, Ritratto di Fulvia Ferragamo, 1971, fotografia a colori.

DD (1)

Salvatore Ferragamo, Peonie, collezione primavera/estate 2000, foulard in twill di seta.

2.3.

Ambito cinese, Fiori e uccelli, prima metà del XVIII secolo, tempera su carta incollata su tela.

BB

Salvatore Ferragamo, Elefante, collezione autunno/inverno 1988-1989, foulard in crêpe de chine.

3.2.

Manifattura indiana, Elefante con palanchino, XIX secolo, cartapesta laccata.

EE

Salvatore Ferragamo, Samurai, collezione autunno/inverno 1989-1990, foulard in twill di seta.


AA

Salvatore Ferragamo, Japonica, collezione primavera/estate 1996, foulard in twill di seta.

CC

Disegno per foulard Japonica, 1995, matita e tempera su carta.

NN

C. Susini e F. Calenzuoli, Camellia japonica, XVIII-XIX secolo, pianta in cera.

5.1.

Look back Anouk
2021
Rocco Gurrieri e Irene Montini.

5.2 colori chiari

Look back Anouk
2021
Rocco Gurrieri e Irene Montini.

012 nuova

Look back Anouk
2021
Rocco Gurrieri e Irene Montini.

LL

Salvatore Ferragamo, Pantera, collezione autunno/inverno 1985-1986, foulard in crêpe de chine.

6.2.

Paul Jouve e Charles Terrasse, Paul Jouve, le Livre de Plantin, Paris 1948, p. 163.

6.3.

Richard Lydekker, The Royal Natural History, Frederick Warne & Co., London and New York 1893-1894, vol. I, p. 389.


7.1.

Disegno realizzato da Leonardo Filippini, studente del Liceo Artistico di Porta Romana e Sesto Fiorentino (Firenze), 2020-2021, tecniche varie.

7.2.

Disegni realizzati da Marialuce Toninelli, studentessa del Liceo Artistico di Porta Romana e Sesto
Fiorentino (Firenze), 2020-2021, tecniche varie.

7.3.

Disegni realizzati da Pietro Pozzi, studente del Liceo Artistico di Porta Romana e Sesto
Fiorentino (Firenze), 2020-2021, tecniche varie.

GG

Salvatore Ferragamo, Scarpe, Collezione primavera/estate 1989, sciarpa in twill di seta.

8.2

Salvatore Ferragamo, Diva, 1941, sandalo e zeppa in sughero ricoperti con pelle di leopardo marino.

8.3.

Salvatore Ferragamo, prototipo Pump, 1930, antilope decorata con bolle dipinte, bordata in filo di seta a punto catenella.

HH

Salvatore Ferragamo, Volpe, collezione autunno/inverno 1987-1988, foulard in crêpe de chine.

II

Salvatore Ferragamo, Giaguaro, collezione autunno/inverno 1988-1989, foulard in twill di seta.


9.3.

Salvatore Ferragamo, (da sinistra) Trench, collezione autunno/inverno 1985-1986, poliestere stampato con il disegno del foulard Pantex e Trench, collezione autunno/inverno 1988-1989, gabardine di cotone con fodera in lana stampata a disegno del foulard Giaguaro.

archivioMostre1

2019-2021

SUSTAINABLE THINKING

La “sostenibilità” definisce la capacità dell’uomo di “soddisfare i bisogni del presente senza compromettere la possibilità che le generazioni future riescano a soddisfare i propri”. È una sfida che non riguarda solo le modalità di produzione, ma implica anche una maggiore attenzione all’ambiente. L’equilibrio deve essere ristabilito, a partire da un modo di pensare consapevole e condiviso, in grado di elaborare nuove strategie di sviluppo e di convivenza.

Il progetto Sustainable Thinking ha l’obiettivo di far riflettere su questi temi, attraverso le visioni della moda e dell’arte. Verso la sostenibilità guardano molti artisti, alcuni concentrati sul recupero di un rapporto con la natura, sull’impiego di materie organiche, sulla necessità del riuso creativo dei materiali o sulla relazione fra natura e tecnica; altri sull’importanza di un impegno collettivo volto alla rifondazione della società. L’industria della moda, da parte sua, non solo attraverso una nuova generazione di designer, ma anche tramite percorsi innovativi di brand consolidati sul mercato sta affrontando la via della sostenibilità, con l’adozione di nuovi materiali ecologici e performanti e il perfezionamento dei processi produttivi. In mostra, artisti, fashion designer, aziende produttrici di tessuti e di filati propongono una pluralità di spunti per una progettualità in grado di impiegare le nuove tecnologie senza subirle, declinare il locale con il globale, salvaguardare il nostro ecosistema.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
Anteprima Catalogo
01

Salvatore Ferragamo, Rainbow Future, 2018.
Sandalo realizzato a mano in cotone organico lavorato all’uncinetto, tacco e piattaforma a strati in legno ricoperti del medesimo materiale Certificazione ISO 14067/Certificazione GOTS - Global Organic Textile Standard.

02

Pascale Marthine Tayou, Poupées Pascale, 2011, cristallo e tecnica mista.
Per gentile concessione dell’artista e di Galleria Continua, San Gimignano / Beijing / Les Moulins / Habana.

03

RÆBURN by Christopher Raeburn, REMADE total look, 2011-2018. Look composto da 11 capi e accessori REMADE creati nelle collezioni passate del brand e ottenuti dal recupero di materiali militari.
Londra, Christopher Raeburn.

04

Maria Sole Ferragamo, Artemisia, 2018.
Abito lungo realizzato con pellami di scarto della Salvatore Ferragamo, filo Guterman, 100% Polyester, Made in Germany, collante adesivo a base acquea e mastice.
Firenze, Maria Sole Ferragamo.

05

El Anatsui, Energy Spill, 2010.
Fili di alluminio, fili di rame e tappi di bottiglia.
Collezione privata.

06

Sezione della mostra dedicata al tema dell' Innovazione.
Per questa sala sono stati selezionati tessuti, abiti e accessori che introducono una nuova generazione di materiali e tecnologie all’avanguardia, risultati di una visione che integra innovazione, responsabilità, natura e creatività.

07
08

Virtual tour

2018-Italia-a-Hollywood-872x1160

2018-2019

L’ITALIA A HOLLYWOOD

La storia raccontata in questa mostra, che analizza la presenza degli italiani in California nei primi decenni del Novecento e l’influenza che esercitarono in svariati settori – dall’architettura all’arte, dall’artigianato alla nascente industria cinematografica – prende avvio nel 1915, lo stesso anno in cui Salvatore Ferragamo raggiunge le assolate terre della West Coast. In quell’anno s’inaugura a San Francisco la Panama-Pacific International Exposition, dove la Cittadella Italiana di Marcello Piacentini fa epoca, gettando le basi per la potente e duratura influenza degli stilemi rinascimentali sul linguaggio architettonico locale.
Sullo sfondo del fenomeno migratorio italiano in quelle terre, che costituisce il fil rouge di tutto il progetto, e della Hollywood che si avvia a diventare la capitale mondiale della nascente industria cinematografica, si narra di personaggi che già ai loro tempi erano circondati dall’aura del mito, come Rodolfo Valentino, Enrico Caruso e Lina Cavalieri; di film epocali come Cabiria, Romola e Ben-Hur; dello Star System e di grandissimi registi; del ruolo importante che i musicisti italiani ebbero nella nascita della musica jazz; e dei moltissimi italiani che, lavorando “dietro le quinte”, diedero un contributo essenziale alla creazione del mito di Hollywood.
Un racconto complesso, fatto di parole e immagini, vario e sfaccettato: è questo il “set” su cui si innesta l’avvincente avventura creativa dello “Shoemaker of Dreams” in territorio americano.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
Anteprima Catalogo
464x618 (1)

Amleto Cataldi, La spiga, 1909, bronzo.
Roma, Galleria d’Arte Moderna di Roma Capitale.

464x618 (2)

Hugo Ballin, Ritratto di Enrico Caruso, 1906, olio su tela e masonite. New York, The Metropolitan Opera.

nuova

Manifesto del film L’aquila diretto da Clarence Brown nel 1925, stampa offset.
Torino, Collezione Museo Nazionale del Cinema.

1029x744

Sezione della mostra dedicata all'Hollywood boot shop di Salvatore Ferragamo e i suoi clienti.
Nel 1923 Salvatore aprì il suo negozio a Hollywood.
Al suo arrivo in città scelse un locale sulla Hollywood Boulevard, che già vendeva scarpe con l’etichetta Hollywood Boot Shop. Non cambiò il nome, ma trasformò l’arredamento, inserendo colonne classiche, mobili di fattura neorinascimentale e un grande divano in modo da creare un’atmosfera intima dando all’ambiente l’aspetto di un palazzo italiano.

464x618 (4)

Arturo Martini, Ritratto di Lillian Gish, 1929, terracotta.
Venezia, Galleria Internazionale d’Arte Moderna di Ca’ Pesaro.

1323x992

Sezione dedicata alla Bellezza; eleganza, gesto teatrale, cultura: il fascino italiano.
Questa parte della mostra è dedicata a quegli italiani emigrati a Los Angeles che divennero famosi nella nascente industria cinematografica
nella vicina Hollywood.

816x1088

Piatti in porcellana serigrafata di Piero Fornasetti, dal titolo Tema e variazioni che raffigurano il volto di Lina Cavalieri, cantante lirica italiana famosa negli stati Uniti e in california all'inizio del novecento, 1952-1966.
Milano, Archivio Fornasetti.

643x483

Nella prima sezione della mostra sono proiettate alcune scene tratte dal film a soggetto biblico e classico, Cabiria, uno dei più celebri kolossal della storia del cinema, diretto da Giovanni Pastrone nel 1914, fonte d'ispirazione per le pellicole cinematografiche di Intolerance di David Wark Griffith del 1916 e de I dieci comandamenti del 1923 di Cecil B. DeMille, per il quale Salvatore Ferragamo creò i sandali indossati dai protagonisti.
Nella foto da sinistra: Modellino del Tempio di Moloch in Cabiria; Pettorale ebraico, 1916. Da uno dei costumi di scena del film Intolerance, bronzo dorato e gemme in vetro incastonate, Larry McQueen, Los Angeles; Salvatore Ferragamo, Sandalo, 2013, fac simile della calzatura realizzata nel 1923 per il film I Dieci Comandamenti.

2017Italia-872x1160

2017 - 2018

Il Ritorno in Italia

Nel 2017 in occasione dell’anniversario dei novant’anni del ritorno di Salvatore Ferragamo in Italia, nel 1927, dopo dodici anni trascorsi negli Stati Uniti, il Museo Salvatore Ferragamo ha ideato un progetto espositivo che si apre a una panoramica sull’Italia degli anni venti, decennio al quale oggi guardiamo come una vera fucina di idee e di sperimentazioni condotte con mente aperta e scevra da pregiudizi o condizionamenti ideologici. Ferragamo scelse di stabilirsi a Firenze in virtù della sua riconosciuta centralità nella geografia del gusto e dello stile nazionali in un momento storico scandito da molti ritorni: ritorno all’ordine, al mestiere, alla grande tradizione nazionale. La mostra narra proprio di questo attraversamento nella cultura del tempo, sviluppandolo per capitoli come un romanzo di formazione. Fil rouge del percorso espositivo è il viaggio in transatlantico che Ferragamo compie per tornare in Italia, inteso come metafora del suo itinerario mentale attraverso la cultura visiva dell’Italia degli anni venti, da cui estrae le tematiche e le opere che influenzarono, in maniera diretta o indiretta, la sua officina poetica; senza trascurare nessuno degli aspetti culturali e sociali che contraddistinsero la rinascita civile del primo dopoguerra, alla vigilia dell’autoritaria affermazione del regime fascista.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
Anteprima Catalogo
464x618-(2)
464x618

In questa sala trova espressione il corpo inteso come strumento estetico del dinamismo, tema assolutamente centrale nella cultura novecentesca alla fine degli anni venti.
In primo piano: Thayaht (Ernesto Michahelles), Il tuffatore, 1932, gesso dipinto con cerchi della base in metallo.
Mart – Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto, Rovereto.

464x618-(3)

Sezione dedicata al ritorno in Italia di Salvatore Ferragamo nel 1927, dopo 11 anni trascorsi negli Stati Uinti, a bordo del Roma, una delle grandi motonavi della Navigazione Generale Italiana.
In primo piano alcuni modelli del periodo realizzati da Salvatore Ferragamo.

il-ritorno-in-italia-1029X744

Sezione della mostra dedicata all'emancipazione femminile in Italia nel primo dopoguerra. In esposizione un guardaroba-tipo femminile, dipinti e ritratti fotografici di donne celebri che influenzarono e caratterizzarono il decennio.

il-ritorno-in-italia-464x618

Sezione della mostra dedicata al folclore e alle arti decorative in Italia durante gli anni venti.
Nella foto: Costumi da sposa e festivi, località Ollolai, Sardegna, 1910-1911
Roma, Museo Nazionale delle Arti e tradizioni popolari.

il-ritorno-in-italia-1323X992

Sezione dedicata al corpo e la sua estetica negli anni venti attraverso opere d'arte del periodo.
In primo piano: Luciano Baldessari, Luminator, 1929. Stand Tessili Italiani all’Esposizione Internazionale di Barcellona.

2016-Tra-arte-e-moda-872x1160

2016 - 2017

Tra Arte e Moda

La mostra promossa e organizzata dalla Fondazione Ferragamo e dal Museo Salvatore Ferragamo riflette il complesso rapporto tra arte e moda.
Prendendo spunto dalla storia di Salvatore Ferragamo che, affascinato dalle avanguardie artistiche del Novecento, si ispirò al mondo dell’arte collaborando con molti degli artisti a lui contemporanei, il proget­to analizza, attraverso case history, le forme di dialogo tra i due mondi: contaminazioni, sovrapposizioni e collaborazioni, dalle esperienze dei Preraffaelliti, a quelle del Futurismo, dalle complesse vicende del Surrealismo a quelle del Radical Fashion, soffermando l’attenzione su alcuni atelier degli anni cinquanta e sessanta, luogo di studio e di incontri, e sulla nascita della cultura della celebrità per proseguire fino alle sperimentazioni degli anni novanta e arrivare ad interrogarsi se nell’industria culturale contemporanea si possa ancora parlare di mondi distinti o di un fluido gioco di ruoli.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
Anteprima Catalogo
Tra-arte-e-moda-464x618-3

Salvatore Ferragamo, Tirassegno, décolleté, 1958, camoscio con applicazioni in capretto a motivo di tirassegno. Modello di scarpa realizzato per l’attrice Marilyn Monroe, che prende ispirazione dai dipinti creati nello stesso periodo dall’artista americano Kenneth Noland.

Tra-arte-e-moda-464x618-2

Nick Cave, Soundsuit, 2010, telaio di centrini squadrati sul retro, centrini disposti a spirale nella parte anteriore, tessuti di maglia, paillettes, presine da cucina, centrini vintage e leggings in maglia.
Parma, Collezione Emanuela Barilla.

Tra-arte-e-moda-464x618

Salvatore Ferragamo, Gala, 1938, décolleté in camoscio con punta a corno di rinoceronte ideato da Salvatore Ferragamo nel 1938 e brevettato l’anno seguente.
Firenze, Museo Salvatore Ferragamo.

Tra-arte-e-moda-1029x744

Sezione della mostra dedicata a Salvatore Ferragamo e alle sue calzature considerate già negli anni trenta manufatti di valore artistico, nelle quali la maestria tecnica si sposa alla creatività concettuale.

464X618-nuova

Elsa Schiaparelli con Salvador Dalí, Abito da sera, collezione febbraio 1937, organza di seta stampata con motivo di aragosta e prezzemolo.
Filadelfia, Philadelphia Museum of Art, dono di Elsa Schiaparelli (1969).
Elsa Schiaparelli era incline al mondo degli artisti di avanguardia con cui era cresciuta e a una concezione della moda sperimentale e ludica. I modelli che Salvador Dalí e Jean Cocteau disegnarono per lei proponevano, tuttavia, una riflessione sul significato della moda e si inserivano all’interno di collezioni estremamente inventive in cui i linguaggi del Dadaismo e del Surrealismo venivano utilizzati in modo fantasioso.

Tra-arte-e-moda-1323x992

Nel corso dell’Ottocento, la moda cominciò a dilagare nelle città con il contributo dell’industria tessile e di nuove forme di distribuzione commerciale. Fu una metamorfosi totale, che diede anche inizio a forme originali di dialogo fra arte e moda. I rapporti fra i due mondi si fecero più stretti e frequenti. Tramite una serie di esempi, la sezione propone un percorso attraverso questo dialogo che si svolge ormai da più di un secolo.

Tra-arte-e-moda-1029x744-2

In questa sezione dal titolo Giochi di ruolo, la moda come l’arte si interroga sulle sue pratiche attraverso il lavoro di una serie di autori come Hussein Chalayan, Martin Margiela, Viktor & Rolf, Helmut Lang, Nick Cave.

Tra-arte-e-moda-464x618-5

Yohji Yamamoto, Top e gonna, collezione autunno/inverno 1991-1992, listelli di legno irregolari e pezzi di lana uniti da cardini.
Tokyo, Yohji Yamamoto Inc.

2015-Palazzo-e-città-872x1160

2015 - 2016

Un palazzo e la città

Nel 2015 si celebra il 150° anniversario di Firenze Capitale d’Italia. Quale migliore occasione per dedicare una mostra e un catalogo a Palazzo Spini Feroni, che fu sede del Municipio e il luogo dove vennero prese quelle importanti decisioni che dettero alla città di Firenze l’assetto urbanistico attuale.
Alla metà dell’Ottocento il palazzo ebbe per la prima volta una vocazione pubblica dopo secoli di proprietà privata, a cominciare da Geri Spini, banchiere di papa Bonifacio VIII, che proprio attraverso l’imponenza della costruzione volle manifestare il potere della sua famiglia. Dopo gli Spini si succedettero i Guasconi, i da Bagnano, i Feroni, famiglie nobiliari che commissionarono mirabili decorazioni artistiche, fino ad arrivare al XIX secolo, quando l’istrionico palazzo divenne albergo di lusso e ospitò il cancelliere Metternich e il compositore Franz Liszt, fu poi sede della Comunità di Firenze, del Gabinetto Scientifico Letterario G.P. Vieusseux e semplice abitazione di personaggi singolari, come Girolamo Segato, noto per la pratica di “pietrificare” i cadaveri. Nel Novecento, quando Salvatore Ferragamo acquistò l’edificio, il palazzo conobbe una nuova stagione, accogliendo laboratori artistici, atelier di moda e famose gallerie d’arte, aperte alla valorizzazione sia dell’arte antica sia di quella contemporanea. La mostra racconta questa complessa storia, con il contributo di specialisti di settore e di un grande scenografo come Maurizio Balò. Il palazzo, con la cornice di Firenze, rappresenta uno spaccato della cultura italiana ed è oggi il simbolo nel mondo dell’azienda di moda Ferragamo che vi ha sede e vi opera: la dimostrazione evidente del fatto che il talento degli italiani vive grazie anche ai luoghi in cui lavora e di cui si nutre e che la bellezza genera bellezza.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
Anteprima Catalogo
un-palazzo-e-la-città-464x618

Anonimo fiorentino, Albero genealogico degli Spini, XVII secolo, olio su tela
Firenze, collezione privata.

un-palazzo-e-la-città-464x618-3

Scuola robbiana, Ritratto di Boccaccio, XVI secolo, terracotta invetriata
Firenze, collezione privata Bellini – Museo Bellini.

un-palazzo-e-la-città-464x618-2

Giorgio de Chirico, Figura di donna, 1932, olio su tela.
Collezione privata.

un-palazzo-e-la-città-1029x744-2

Sezione dal titolo Salvatore Ferragamo e il suo palazzo.
Quando Salvatore Ferragamo arrivò dall’America in Italia nel 1927 scelse di stabilirsi a Firenze perché la città rappresentava nel mondo l’artigianato e l’arte italiana. Nel 1938 acquistò Palazzo Spini Feroni, un edificio centrale nella la storia e nel panorama della città sin dal Medioevo.

un-palazzo-e-la-città-464x618-5

Particolare della prima sala della mostra nella quale è stato riprodotto il locale che ospitava, prima del 1960, l'archivio di calzature Salvatore Ferragamo.

un-palazzo-e-la-città-1323X992

Sezione della mostra che racconta la vita delle tre gallerie d’arte, Jesurum, Ciardiello e Bellini, che furono locate all’interno di Palazzo Spini Feroni per un decennio, dal 1928 al 1938. Nei loro ambienti furono organizzate importantissime mostre di arte antica e contemporanea, che intendevano fare di Firenze la vera antagonista di Parigi.

un-palazzo-e-la-città-1029x744

Sezione della mostra dedicata a Dante Alighieri.
L’allestimento suggerisce lo studio dell’artista e allude nella particolare carta da parati sulle pareti, con i gigli d’oro su campo rosso, al gusto di metà Ottocento.

un-palazzo-e-la-città-464x618-4

Scuola robbiana, Ritratto di Dante, XVI secolo, terracotta invetriata.
Firenze, collezione privata Bellini – Museo Bellini.

2014-Equilibrium-872x1160

2014 – 2015

Equilibrium

La mostra si basa su un confronto tra opere d’arte di valore e significato eccezionali e media diversi – pittura, scultura, fotografia, video, cinema, edizioni a stampa – arricchito da documentari e testimonianze storiche, immagini d'archivio e da una serie di interviste a personaggi celebri della nostra epoca: Wanda Ferragamo, James Ferragamo, Jerry Ferragamo, Reinhold Messner, Eleonora Abbagnato, Will Self, Cecil Balmond e Philippe Petit.

Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
Anteprima Catalogo
equilibrium-464x618

In primo piano: Roberto Barni, Impresa, 2010, bronzo patinato
Firenze, proprietà dell’artista

equilibrium-464x618-3

Salvatore Ferragamo, Viatica, décolleté in vernice rossa che riproduce il modello creato da Salvatore Ferragamo negli anni cinquanta per Marilyn Monroe, autunno-inverno 2012-2013.

equilibrium-464x618-2

Sezione della mostra dedicata alle ricerche svolte da Salvatore Ferragamo, ai suoi brevetti, ai modelli più importanti, agli studi sull’arco del piede compiuti da Salvatore Ferragamo, sempre alla ricerca della soluzione perfetta per ottenere il massimo comfort della scarpa in grado di garantire la postura migliore.

equilibrium-1323x992

In primo piano una riproduzione ingigantita del cambrione, l’invenzione più celebre di Salvatore Ferragamo: una lamina in acciaio, leggera ma resistente, da inserire nelle calzature a supporto dell’arco del piede. Con l'ausilio del pendolo, come un architetto, Ferragamo spiegava che il peso del corpo cade proprio sull’arco plantare ed è questa parte della scarpa che deve essere sostenuta.

equilibrium-1029X744

Auguste Rodin, Saint Jean-Baptiste, 1878, gesso.
Parigi, Musée Rodin.
Foto Christian Baraja.

equilibrium-464x618-4

Cecil Balmond, Equilibrium, struttura in acciaio inossidabile curvato, cavi in acciaio inossidabile e nodo centrale in acciaio inossidabile più due plinti in legno con lati in acrilico specchiato. Istallazione realizzata nel 2014 per la mostra Equilibrium.

2013-Calzolaio-prodigioso-872x1160

2013 – 2014

Il calzolaio prodigioso

La mostra propone un originale excursus nel mondo delle fiabe, da quelle classiche della tradizione a quelle create espressamente per questa occasione, in cui i temi portanti sono le scarpe e l’arte magica del calzolaio.
Il tema diventa in questa esposizione fonte d’ispirazione per artisti contemporanei, musicisti, cineasti e autori di fumetti.

Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
Anteprima Catalogo
il-calzolaio-prodigioso-464x618

Ann Craven, Shoe Portrait (Ferragamo, Stivaletto, tela dipinta, 1938), 2013, acquarello su carta.
Courtesy Ann Craven, New York.

il-calzolaio-prodigioso-464x618-2

L’Etrusco (Fernando Baldi), Manifesto pubblicitario per Salvatore Ferragamo, 2013, acrilico e tempera su tela. Da un originale perduto, documentato in Modern Publicity 1950–1951,
Frank A. Mercer & Charles Rosner, London & New York 1951.

il-calzolaio-prodigioso-464x618-3

Ann Craven, Shoe Portrait (Ferragamo, patchwork multicolor, 1942), 2013, acquarello su carta.
Courtesy Ann Craven.

il calzolaio prodigioso 13232x992

Costumi di scena, schizzi, modellini del cortometraggio animato White Shoe liberamente ispirato ad un episodio della vita di Salvatore Ferragamo bambino (riportato nella sua autobiografia Il calzolaio dei sogni, 1957), scritto e diretto da Mauro Borrelli.

il-calzolaio-prodigiosO-1029X744

Nella sala dedicata alle fiabe sulle scarpe e sulla figura del calzolaio, sono esposte le tavole del fumetto realizzato per la mostra da Frank Espinosa, Nascita di un sogno, 2013, sulla vita di Salvatore Ferragamo. Testo e disegni, 26 tavole e una di copertina a colori, tecnica mista (acrilico/ gouache su matita e inchiostro a china) su carta di diversi spessori, con dettagli e inserti in carta di riso.
Courtesy Frank Espinosa, New York.

il-calzolaio-prodigioso-464x618-4

Giambologna, Mercurio, dopo il 1580 (probabilmente primi anni del XVII secolo) Bronzo saldato a disco e fissato su piedistallo di simil-metallo.
Firenze, Museo Nazionale del Bargello

2012-Marilyn-872x1160

2012 – 2013

Marilyn

A cinquant’anni dalla morte di Marilyn Monroe, la mostra ripropone immagini, film, interviste, documenti inediti, abiti, calzature e oggetti della celebre attrice.
Un nucleo straordinario di fotografie scattate a Marilyn sono messe a confronto con la potenza dell’archetipo e la sopravvivenza del mito, la cui grandezza risiede proprio nella doppia natura d’icona femminile spiritualizzata e di donna pop.

Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni.
Praga, Prague Castle Riding School.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
Anteprima Catalogo
marylin-464x618-2

Massimiliano Soldani Benzi (attr.), Venere (da Giambologna), inizio del XVIII secolo, bronzo con base in marmo.
Firenze, Museo Nazionale del Bargello.

marylin-464x618

Afrodite pudica nuda, tipo Dresda Capitolino,marmo, copia romana del I-II secolo d.C. da un originale greco del III secolo a.C.
Fiesole, Museo Civico Archelogico, collezione Albites.

marylin-464x618-3

Michelangelo (da) Schiavo morente, 1865, calco in gesso.
Firenze, Accademia di Belle Arti.

marylin-1323x992

Sezione della mostra dedicata agli abiti e alle scarpe di scena dell'attrice.

marylin-1029x744

Sezione dedicata alle scarpe che Salvatore Ferragamo realizzò per l'attrice dal 1954 fino alla sua morte.

marylin-464x618-4

Antonio Canova, Ninfa dormiente, 1822, gesso.
Possagno (Treviso), Fondazione Canova onlus, Museo e Gipsoteca Antonio Canova.

2012-Archivi-segreti_872x1160

2012

Archivi segreti

A cura di Stefania Ricci.
Dedicata al prezioso archivio aziendale ed ai suoi contenuti, in un susseguirsi tra arte e storia, genio e tecnica, la mostra ripercorre il fascino senza tempo della Salvatore Ferragamo, attraverso le testimonianze documentarie, i macchinari ed i prodotti realizzati nel corso del tempo, dimostrando per un’impresa l’importanza di conservare la propria storia e di valorizzarla.

Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
2011-Ispirazioni-visioni_872x1160

2011

Ispirazioni e visioni

A cura di Stefania Ricci e Sergio Risaliti.
Cosa accomuna il Mantello di penne di Ibis rubra, realizzato nel XVI secolo in Brasile e appartenuto alle collezioni di Cosimo II de’Medici, proveniente dal Museo di Antropologia e Etnologia di Firenze, le opere di Sonia Delaunay , o i disegni di Andy Warhol di scarpe su foglia d’oro ai modelli di Ferragamo? Le risposte si ritrovano nel viaggio compiuto a ritroso nell’immaginario di Salvatore Ferragamo, alla ricerca delle fonti della sua fantasia creativa.

Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
2010-A-regola-d'arte_872x1160

2010 – 2011

A regola d’arte

A cura di Stefania Ricci.
L’uomo artigiano non è solo chi lavora con le mani ma è colui che svolge bene il proprio mestiere, a ‘regola d’arte’. Da questo concetto parte l’ispirazione di questa mostra, che, ripercorrendo la storia dell’azienda Salvatore Ferragamo vuole proporsi come occasione di riflessione sui valori che hanno permesso ad un’impresa ben radicata nella tradizione artigianale e artistica della città di Firenze di mantenere intatto questo DNA anche nel passaggio alla produzione industriale.

Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
2010-Greta-872x1160

2010

Greta Garbo
Il mistero dello stile

La mostra analizza il mito della grande diva del cinema attraverso il suo raffinato guardaroba e le scarpe create per lei da Salvatore Ferragamo, sin dagli anni venti del Novecento.

febbraio-aprile 2010, Milano, Triennale di Milano, Design Museum
maggio-ottobre 2010, Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni

DOWNLOAD

Comunicato stampa
Greta-1323x992

Scarpe realizzate da Salvatore Ferragamo per Greta Garbo, che amava abiti e scarpe comode. Tra queste è ‘Greta’ una creazione con tomaia senza cucitura, punta morbida e una semplice fibbia.

Greta-816x1088

Armadio contenente abiti e accessori dell'attrice.

Greta-643x483

Esposti in questa sezione della mostra, i costumi indossati dall'attrice nei film, recuperati da istituzioni, musei e collezionisti privati.

Greta-1029x744

Sezione della mostra che accoglie gli abiti e gli accessori personali della star, firmati Valentino, Emilio Pucci, Givenchy e altri famosi stilisti.

Greta-464x618

Dettaglio della sezione dal titolo Una donna contemporanea nella quale è dimostrato lo stile contemporaneo della Garbo.

2009-Australia_872x1160

2009

Australia behind the scenes

A cura di Stefania Ricci. Mostra dedicata all’ultimo film con Nicole Kidman, diretto da Baz Luhrmann, per il quale la Salvatore Ferragamo ha realizzato venti modelli di calzature ispirate agli originali modelli dell’epoca di Salvatore Ferragamo conservati nel museo.

Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
2008-Evolving-legend_872x1160

2008

Salvatore Ferragamo Evolving Legend 1928-2008

A cura di Stefania Ricci e Cristina Morozzi. E’ la mostra che celebra l’ottantesimo anniversario di attività della Salvatore Ferragamo, un excursus, riassunto in 12 sezioni, tra i prodotti simbolo di Salvatore Ferragamo, calzature, borse, abbigliamento, foulard, bijoux oltre che tra i principi fondamentali e i valori su cui si è costruita l’identità del marchio.

Marzo-Maggio 2008, Shanghai, Museum of Contemporary Art.
Settembre-Novembre 2008, Milano, Triennale Design Museum.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
2006-Creativita-colori_872x1160

2006 – 2010

Creatività a colori

A cura di Stefania Ricci. E’ dedicata al colore nella moda e nelle scarpe di Salvatore Ferragamo, che delle tinte cromatiche decise, tratte dall’arte delle avanguardie del Novecento, ha fatto un segno del suo stile.

Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni.

2006-Suenos-que-caminan-872x1160

2006

Sueños que caminan / Walking Dreams.

Salvatore Ferragamo 1898-1960
E’ la prima mostra in America Latina dedicata alla creatività di Salvatore Ferragamo attraverso l’esposizione di 80 scarpe create tra il 1924 e il 1960.

Città del Messico, Museo del Palacio de Bellas Artes.

A-love-affair-with-shoes_NEW

2004 - 2005

A Love Affair with shoes

A cura di Stefania Ricci.
I modelli creati da Ferragamo per alcune delle più famose attrici del cinema internazionale suggeriscono gusti, capricci e personalità, ma soprattutto la passione che le donne hanno per le scarpe.

Febbraio 2004, New York Salvatore Ferragamo Flagship store.
Aprile 2004, Hong Kong, Pacific Place.
Ottobre 2004, Taipei, negozio Salvatore Ferragamo.
Novembre 2004 Osaka, Salvatore Ferragamo Flagship store.
Dicembre 2004, Tokyo Salvatore Ferragamo Flagship store.
Marzo-Aprile 2005, Singapore negozio Salvatore Ferragamo.

2004-off-scene

2004

Off-scene

A cura di Wim e Donata Wenders.
Un romantico itinerario nell’opera cinematografica del grande regista tedesco attraverso le foto di scena di Wenders e della moglie Donata.

Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
06

2004

Idee, modelli, invenzioni

In mostra i 369 brevetti di Salvatore Ferragamo, dal 1929 al 1960, recuperati presso l’Archivio di Stato di Roma.
Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
idee-modelli-e-invenzioni-464x618-4

Salvatore Ferragamo, Brevetto 469884. Calzatura femminile a sandalo combinata con una contro calzatura aderente al piede, 17 marzo 1952.

idee-modelli-e-invenzioni-464x618-3

Salvatore Ferragamo, Brevetto 426001. Processo di fabbricazione di calzature con tomaia ricavata da filo, spago, nastro e simili senza soluzione di continuità, 17 ottobre 1947.

idee-modelli-e-invenzioni-464x618-2

Salvatore Ferragamo, Brevetto 21189. Calzatura a sandalo per signora, con suola rialzata a strati, e collegamento tra tacco e detta suola, 23 luglio 1941.

idee-modelli-e-invenzioni13232x992

Dettaglio dell'allestimento della mostra.
Brevetti e marchi di impresa di Ferragamo : un mondo di idee e di invenzioni recuperato presso l’Archivio centrale dello Stato di Roma ed esposto insieme alle straordinarie calzature create da Salvatore Ferragamo.

idee-modelli-e-invenzioni-1029X744

Salvatore Ferragamo, Kimo, 1951, sandalo a listini in capretto con calzetta ‘kimo’ in raso.

idee-modelli-e-invenzioni-464x618

Salvatore Ferragamo, Sandalo, 1940, velluto profilato in capretto, tacco e intersuola in legno ricoperti in capretto.

2003-Game_872x1160

2003 - 2004

Game

A cura di Mariuccia Casadio e Stefania Ricci.
Una calzatura ispirata ad un modello degli anni Venti diventa il soggetto o l’oggetto sul quale 19 artisti contemporanei hanno espresso la loro creatività usando tecniche diverse di lavorazione. Opere di Vanessa Beecroft, Jeff Burton, Marta dell’Angelo, Lara Favaretto, Angelo Filomeno, Sylvie Fleury, Luis Gispert, Mark Handforth, Brad Kalhamer, Naoto Kawahara, Armin Linke, Amdeo Martegani, Gabriele Picco, Rob Pruitt, Tobias Rehberger, Andreas Schulze, Rosemarie Trockel, Hellen Van Meene, Pae White. Settembre 2003, New York Salvatore Ferragamo Flagship store; Gennaio 2004 Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni; Aprile 2004, Tokyo, Salvatore Ferragamo Flagship store; Ottobre 2004, Milano, negozio Milano donna.

2000-Scarpe-e-piedi-famosi-872x1160

2000

Scarpe e piedi famosi

A cura di Stefania Ricci.
Le scarpe realizzate da Ferragamo per i personaggi famosi, dalle star di Hollywood alle famiglie regnanti, i loro modelli preferiti, i colori e i materiali più usati.

Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni.

1999-Audrey-872x1160

1999 - 2001

Audrey Hepburn una donna, lo stile​

A cura di Gianluca Bauzano e Stefania Ricci.
La mostra ha viaggiato nel mondo, nei seguenti allestimenti:
Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni
Sidney, Powerhouse Museum

Nel corso del 2000
Tokyo, Nihombashi-Mitsukoshi Museum
Fukuoka, Mitsukoshi Museum
Kanazawa, Daiwa Museum
Hiroshima, Sogo Museum
Nagoya, Matsuzakaya Museum
Sapporo, Seibu Museum
Kobe, Daimaru Museum
Kyoto, Daimaru Museum
Osaka, Shinsaibashi-Daimaru Museum
Sendai, Fujisaki Museum

Nel corso del 2001:
Francoforte, Deutsche Filmmuseum

DOWNLOAD

Comunicato stampa
audrey-1323x992

Abiti e accessori indossati dalla Hepburn sul set e nella vita privata, provenienti dalla collezione personale dell’attrice, dagli studios americani e dal sarto francese Hubert de Givenchy.

audrey-816x1088

Abiti e accessori indossati dalla Hepburn sul set e nella vita privata, provenienti dalla collezione personale dell’attrice, messa a disposizione dai figli, dagli studios americani e dal sarto francese Hubert de Givenchy.

Audrey-643x483

Salvatore Ferragamo, Ballerina, 1954, tomaia in camoscio e cinturino in capretto, tacco basso ovale e suola a conchiglia brevettata. Il modello fu creato per l’attrice Audrey Hepburn

audrey-1323x992-2

Abiti e accessori indossati dalla Hepburn sul set e nella vita privata, provenienti dalla collezione personale dell’attrice, messa a disposizione dai figli, dagli studios americani e dal sarto francese Hubert de Givenchy.

audrey-1323x992-3

Dettaglio di una sala della mostra - ritratti fotografici dell'attrice nei quali i vari autori evidenziano la particolarità del suo volto che la rese così famosa.

1998-Art-of-the-Shoe-872x1160

1998

Salvatore Ferragamo.​ The Art of the Shoe

Quarta tappa della mostra retrospettiva alla quale sono stati chiamati a collaborare due tra i maggiori esponenti dell’arte e della cultura giapponese: Tanaka Ikko e Teshigahara Hiroshi.
Tokyo, Sogetsu-kai Foundation.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
the-art-of-the-shoe---464x618

Salvatore Ferragamo, Sandalo, 1938, raso e capretto, piattaforma e zeppa di sughero rivestito di velluto con applicazione di un telaio in ottone tempestato di strass. Il modello fu creato per Indira Devi, Maharani di Cooch Behar.

the-art-of-the-shoe---464x618-2

Salvatore Ferragamo, Prototipo di décolleté, 1930, capretto decorato con bolli dipinti, bordati da filo di seta a punto catenella.

the-art-of-the-shoe---464x618-3

Salvatore Ferragamo, Sandalo, 1949-1950, tomaia in rafia, tacco rivestito in capretto.

the-art-of-the-shoe---1323x992

Dettaglio dell'allestimento in bambù progettato da Teshigahara Hiroshi, artista, regista e sceneggiatore giapponese.

the-art-of-the-shoe--1029x744

Salvatore Ferragamo, Prototipo di sandalo, 1930, tomaia in capretto, tacco in ottone.

the-art-of-the-shoe-464X618

Salvatore Ferragamo, Kimo, 1951, sandalo a listini in capretto con calzetta Kimo in raso. Foto di Ikko Tanaka.

1998-Cenerentola

1998

Cenerentola: la scarpa ritrovata

A cura di Michael Howells, Jenny Beavan e Stefania Ricci.
In occasione della Biennale di moda e cinema a Firenze il mito di Cenerentola nel cinema, nella musica e nella letteratura si rinnova in una calzatura creata da Ferragamo per il film Ever After: A Cinderella story.

Ever After: A Cinderella Story di Andy Tennant (Twenty Century Fox) Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni.

DOWNLOAD

Comunicato stampa
1997-Tanaka-Ikko-872x1160

1997

Tanaka Ikko, la grafica del Giappone

A cura di Gian Carlo Calza.
Per la prima volta in Italia, in mostra l’opera di uno dei maggiori grafici giapponesi del XX secolo. Milano, Padiglione d’Arte Contemporanea.

1997-Materiali-per-la-fantasia-872x1160

1997

Materiali per la fantasia

Materiali per la fantasia, a cura di Stefania Ricci. La creatività di Salvatore si è espressa soprattutto attraverso l’uso dei materiali, dai più preziosi ai più poveri, dai metalli preziosi al sughero e alla rafia.

Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni

Bruce-weber

1996

Bruce Weber. Secret love

Una retrospettiva del grande fotografo americano, a cura di Germano Celant e Martin Harrison, in occasione della Biennale di arte e moda a Firenze.

Firenze, Museo Salvatore Ferragamo, Palazzo Spini Feroni.

1992-Art-of-Shoe-872x1160 (1)

1992

Salvatore Ferragamo. The Art of the Shoe

La mostra retrospettiva approda negli USA, Paese Adottivo di Salvatore Ferragamo, dove instaurò i suoi contatti con il nascente star-system hollywoodiano.

Los Angeles, Los Angeles County Museum.

1985-Protagonisti-della-Moda-872x1160

1985

I Protagonisti della Moda. Salvatore Ferragamo (1898-1960)

La mostra è stata progettata in collaborazione con la Galleria del Costume di Palazzo Pitti e il Centro Mostre di Firenze e con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Firenze.
È stata la mostra retrospettiva che ha dato un decisivo impulso alla nascita del Museo Salvatore Ferragamo. Firenze, Palazzo Strozzi.

i-protagonisti-della-moda-1029x744

Salvatore Ferragamo, Rainbow, 1938, sandalo in capretto, tacco e piattaforma di sughero ricoperti di camoscio. Il modello fu realizzato per Judy Garland.

i-protagonisti-della-moda-464x618

Salvatore Ferragamo, Sandalo, 1938, raso e capretto, piattaforma e zeppa di sughero rivestito di velluto con applicazione di un telaio in ottone tempestato di strass. Il modello fu creato per Indira Devi, Maharani di Cooch Behar.

i-protagonisti-della-moda-1323X992

Dettaglio di una delle sale della mostra.

i-protagonisti-della-moda-816X1088

Salvatore Ferragamo, Décolleté, 1958-1959, tomaia in coccodrillo. Il modello fu creato per l’attrice americana Marilyn Monroe.

i-protagonisti-della-moda-643x483

Sandali realizzati da Salvatore Ferragamo nel 1943 con piattaforma e tacco a zeppa in legno intagliato e dipinto a mano a motivi geometrici.